Mele bianche di Jonathan Carroll

TITOLO: Mele Bianche

AUTORE: Jonathan Carroll

EDITORE: Fazi – Lain

ANNO: 2007

GENERE: Narrativa – Mistero

NUMERO DI PAGINE: 297

mele-bianche-light

TRAMA: Vincent Ettrich è un uomo di successo, sia nel lavoro, sia con le donne. Questa sera è a cena con una nuova conquista, Coco. Un uomo si avvicina al suo tavolo e lo saluta: è Bruno Mann, un collega che non vedeva da tempo; Bruno gli chiede se può uscire un attimo: gli deve parlare… è urgente. Mentre Bruno inizia un racconto tutto concitato il cellulare di Vincent squilla: è sua moglie che lo avverte della morte di un collega, Bruno Mann appunto. Vincent quindi si sveglia di soprassalto: è nel suo letto. Tira un sospiro di sollievo, ma girati gli occhi trova addormentata accanto a sè la ragazza del sogno, Coco, che non aveva mai visto prima. Scostando una ciocca di capelli dal suo volto per guardarla meglio scopre un tatuaggio sul suo collo, o meglio una scritta: Bruno Mann. Sudore freddo. Sveglia la ragazza, le chiede come mai si trovi lì: sono mesi che si frequentano, è la risposta di lei… Coco è la sua ragazza. Che succede a Vincent? Cosa sta accadendo alla sua vita?

RECENSIONE: Ci troviamo catapultati in una nuovo, pazzo ma straordinario racconto di Jonathan Carroll, in cui faremo la conoscenza del protagonista Vincent Ettrich. Quella che, sia al lettore che al protagonista, sembra una normalissima giornata, in realtà per Vincent è l’inizio di una nuova vita, infatti Vincent è morto senza però ricordare come sia successo, sa solo di essere tornato in vita per salvare suo figlio, ancora un feto ma destinato a salvare il mondo, dove Dio è un mosaico di infinite tesserine in continuo mutamento, dove il Caos è un omone grasso e malvagio che gira per le strade in smoking, dove la Morte è una lezione di Vita necessaria per apprendere informazioni cruciali su se stessi e sull’universo. L’autore de Il Paese delle Pazze Risate con Mele Bianche ci regala un altro meraviglioso viaggio alla ricerca di possibili risposte alle mille domande che da sempre crucciano noi umani: Cosa succede dopo la morte? Esiste un Dio? Esiste il Male? Chi siamo? Da dove veniamo? Forse non sono le risposte che ci aspettiamo, ma questo libro di Carrol certamente conferma il suo genio visionario, la sua spiccata capacità di ribaltare la realtà del quotidiano trasformandola in una magia, ora strabiliante, ora terrificante… leggendo l’opera di uno scrittore così una cosa è certa: non saprete cosa significhi noia.

Precedente "La giostra del piacere" di Eric-Emmanuel Schmitt Successivo "La cena" di Herman Koch