Non dirlo ad Alfred di Nancy Mitford

TITOLO: Non dirlo ad Alfred
AUTORE: Nancy Mitford
EDITORE: Adelphi Edizioni
ANNO: 2015
GENERE: Romanzo / Letteratura inglese

12294676_205965449738073_4507867895314407577_n

TRAMA: Chi non fosse pago della scintillante mondanità di L’amore in un clima freddo potrà continuare a leggere le avventure di Fanny, la narratrice, che dopo averci raccontato la storia della sua bislacca e aristocratica famiglia ci parla finalmente di se stessa. Catapultata dal tedioso mondo accademico di Oxford fino all’ambasciata britannica a Parigi, dove il marito Alfred è stato inopinatamente nominato ambasciatore, Madame l’Ambassadrice ci fa assaporare gli aspetti più esilaranti dell’ambiente diplomatico europeo degli anni Cinquanta: una vita di società gaia ma ancora formale, nella quale si affacciano a sorpresa i quattro figli della coppia, alfieri della rivoluzione giovanile ai suoi albori.
IL NOSTRO GIUDIZIO: “Non dirlo ad Alfred” di Nancy Mitford riesce a tratteggiare la raffinata quanto superba nobiltà inglese della metà del XX Secolo, attingendo a piene mani al vissuto dell’autrice. Mitford era nata in una famiglia della nobiltà terriera inglese conservatrice, i Redersdale, nota per l’originalità dei suoi numerosi membri: le sei affascinanti sorelle Mitford, unite da legami d’affetto ma a volte divise dalle opposte scelte in campo politico, divennero famose in Europa e in America anche per i loro scritti. In queste godibili pagine scritte con grazia e ironia, il protagonista è l’ambiente diplomatico europeo degli anni Cinquanta. La trama è come sempre più o meno inesistente e si basa sul trasferimento come ambasciatore a Parigi di Alfred, il marito di Fanny, la narratrice dei primi due romanzi che qui diventa protagonista. Nonostante questo Fanny non brilla per originalità, a differenza di tutti gli altri personaggi, che creano terribili scompigli che devono essere tenuti nascosti ad Alfred, già impegnato di suo. La storia non decolla, ci si aspetta sempre che debba succedere un qualcosa che faccia risvegliare il romanza e invece non succede nulla.

Precedente Mendel dei libri di Stefan Zweig Successivo Non dirmi che hai paura di Giuseppe Catozzella