L’imprevedibile viaggio di Harold Fry di Rachel Joyce

TITOLO: L’imprevedibile viaggio di Harold Fry
AUTORE: Rachel Joyce
EDITORE: Sperling & Kupfer
ANNO: 2012

12523008_225325917802026_6146577670807369493_n

TRAMA: Quando viene a sapere che una sua vecchia amica sta morendo in un paesino ai confini con la Scozia, Harold Fry, tranquillo pensionato inglese, esce di casa per spedirle una lettera. E invece, arrivato alla prima buca, spinto da un impulso improvviso, comincia a camminare. Forse perché ha con la sua amica un antico debito di riconoscenza, forse perché ultimamente la vita non è stata gentile con lui e con sua moglie Maureen, Harold cammina e cammina, incurante della stanchezza e delle scarpe troppo leggere. Ha deciso: finché lui camminerà, la sua amica continuerà a vivere. Inizia così per Harold un imprevedibile viaggio dal sud al nord dell’Inghilterra, ma anche dentro se stesso: mille chilometri di cammino e di incontri con tante persone, che Harold illuminerà con la sua saggezza e la forza del suo ottimismo. Harold Fry è – a suo modo – un eroe inconsapevole, proprio come Forrest Gump: un uomo speciale capace di insegnarci a credere che tutto è possibile, se lo vogliamo davvero.

LA NOSTRA OPINIONE: “Il viaggio di Harold Fry” è un libro magico, con cui è facile entrare subito in sintonia. Durante la lettura del libro si viene coinvolti così tanto da immaginarci immersi in questo imprevedibile viaggio con Harold, che non è stato solo geografico, bensì un viaggio spirituale, un viaggio in cui Fry ha ritrovato se stesso e ha capito cosa vuole dalla vita, anche se arrivato ad una certa età. Harold se ne va di casa con la speranza nel cuore di salvare la sua ex collega, lasciando sua moglie a casa da sola, con le sue angosce e tristezza. Un viaggio che serve ad Harold per pensare a lui e al suo passato, per capire cosa c’è che non va nel suo matrimonio. Viene pesata l’importanza delle parole dette e non dette, di ogni minimo gesto, di ogni sguardo e, quando Harold incontra gente nuova durante il suo lungo viaggio, non le giudica mai, ma le considera uniche e proprio la piccolezza della gente stessa lo riempiono di meraviglia e tenerezza! Un libro che sicuramente riesce a lasciarci un messaggio positivo!!

Precedente Il giovane Holden di J.D.Salinger Successivo E gli ippopotami si sono lessati nelle loro vasche di Jack Kerouac e William S. Burroughs