Se i pesci guardassero le stelle di Luca Ammirati

Mercoledì 10 luglio Luca Ammirati era nostro ospite alla nostra quarta edizione della cena letteraria e abbiamo avuto il piacere di chiacchierare con lui sul suo nuovo libro “se i pesci guardassero le stelle”, Deaplaneta edizioni.

TITOLO: Se i pesci guardassero le stelle

AUTORE: Luca Ammirati

EDITORE: Deaplaneta

ANNO: 2019

 

TRAMA: Samuele ha trent’anni e una fastidiosa sensazione di girare a vuoto, proprio come fa Galileo, il pesce rosso con il quale si confida ogni giorno. Sognatore nato, sfortunato in amore, vorrebbe diventare un creativo pubblicitario ma i suoi progetti vengono puntualmente bocciati. Così di giorno è un reporter precario e malpagato, mentre la sera soddisfa il proprio animo poetico facendo la guida al piccolo osservatorio astronomico di Perinaldo, sopra Sanremo: un luogo magico per guardare le stelle ed esprimere i desideri. È proprio lì che, la notte di San Lorenzo, Samuele incontra una ragazza, che dice di chiamarsi Emma e di fare l’illustratrice per bambini. Ne rimane folgorato e la invita a cena, ma è notte fonda e commette un errore fatale: si addormenta. Quando si risveglia, Emma è scomparsa nel nulla. Ma come si trova una persona di cui si conosce soltanto il nome? Non sarà l’ennesimo sogno soltanto sfiorato?
LA NOSTRA OPINIONE:

“Se i pesci guardassero le stelle” parla i noi.

Samuele ha trent’anni, una gran voglia di essere felice e la sensazione quasi fastidiosa di girare a vuoto. Leggendo il suo romanzo, con i dubbi e le insicurezze di Samuele ci siamo sentiti tutto un po’ meno soli e simili al protagonista. Una scrittura semplice ma adatta per descrivere il contesto e la storia. Un libro di cui i ragazzi di oggi avevano bisogno.

Samuele, un trentenne sanremese con la passione per l’astrologia, un lavoro sottopagato e precario come giornalista in una piccola redazione e il sogno di lavorare nella pubblicità in un’importante compagnia, aspirazione che si presta ad inseguire con tutta la sua passione che dura da anni ma che sembra sempre più lontana dal poter realizzare.

Samuele siamo noi, i trentenni di oggi persi in questa società che li soffoca anziché aiutarli ad emergere proprio come tanti infelici pesciolini rossi intrappolati in una piccola ampolla di vetro.

La bravura di Ammirati la troviamo nel sapere far emergere tutto questo con frizzante semplicità, con momenti di ironia, malinconici e sentimentali. Molto affascinante il modo in cui descrivere la sua città: Sanremo con i suoi profumi e sapori. Per quest’ultimo motivo siamo stati felicissimi di averlo avuto come ospite alla nostra cena letteraria.

Gli astrofili non potranno che essere rapiti dalla magia che si respira durante tutta la storia ma anche quelli meno ferrati in materia avranno modo di conoscere nuove cose sull’universo che ci circonda e venire sconvolti e conquistati dall’ondata di emotività e tenerezza che questo libro rappresenta.

CITAZIONE:

Ho bisogno di sentirmi accettato e rispettato. Invece mi è toccato scendere –e non di pochi scalini –la fatata scala dei sogni. Mi sono ritrovato in una vita che non avevo previsto.

Precedente Di punto in bianco di Cristina Rava Successivo Vittoria di Barbara Fiorio