Vittoria di Barbara Fiorio

Mercoledì 10 luglio Barbara Fiorio era ospite alla nostra quarta edizione della cena letteraria e abbiamo avuto il piacere di chiacchierare con lei sul suo nuovo libro “Vittoria”, edito Feltrinelli.

TITOLO: Vittoria

AUTORE: Barbara Fiorio

EDITORE: Feltrinelli

ANNO: 2018

 

TRAMA: 
Vittoria non crede nella spiritualità dei manuali, negli aforismi da calamite e soprattutto non crede nei cartomanti: molto meglio un piatto di trenette al pesto con un’amica che farsi leggere i tarocchi.
Fotografa genovese con alle spalle alcune pubblicità di successo, è sempre riuscita a navigare tra le difficoltà della vita grazie a un valido mix di buonsenso e ironia. Credeva anche di aver trovato l’amore ma, quando Federico se ne va, lasciandola sola in una casa piena di ricordi, il mondo le crolla addosso. Disorientata e in profonda crisi creativa, Vittoria si ritrova a quarantasei anni senza compagno, senza lavoro e senza sapere più con quali soldi comprare le crocchette a Sugo, il suo adorato gatto. A soccorrerla arriva un aiuto inatteso, sotto forma di un mazzo di tarocchi che suo malgrado, e nonostante il suo scetticismo, scopre di saper leggere con imprevedibile talento.
E così, tra la carta dell’Eremita che le ricorda Obi-Wan Kenobi e la Ruota della fortuna che sembra un party psichedelico, nel suo salotto fanno la loro comparsa tanti volti nuovi, consultanti di ogni età che le portano uova fresche, insalatina a chilometro zero e ratafià in cambio di un vaticinio.
Circondata da anime gentili che come lei cercano di rammendare il loro cuore spezzato, e da amici fidati che per mesi la incoraggiano e la proteggono, Vittoria senza rendersene conto tornerà pian piano ad ascoltare il mondo che la circonda ritrovando, insieme alla vena creativa, la forza di credere in se stessa.
Una fotografa in crisi.
Un lavoro improvvisato che apre orizzonti inattesi. Un inno all’amicizia e alla creatività, le carte vincenti per reinventarsi la vita.

LA NOSTRA OPINIONE: 

“Vittoria”  è un libro positivo, che insegna a non mollare, quando ormai, pensiamo erroneamente che non ci sia una soluzione, una via d’uscita. La vita ci sorprende sempre, da un giorno all’altro potremmo infatti scoprire una nuova strada da seguire, una via che pensavamo non fosse possibile intraprendere e che, invece, risulta essere la nostra salvezza.

Questo romanzo è la vita vera, la nostra vita di tutti i giorni e Barbara Fiorio ha saputo creare una storia viva e frizante. Lei è una donna comune, con il cuore spezzato e la voglia di andare avanti sotto le scarpe, ma è anche una donna che, nonostante tutto il male, ha saputo reinventarsi ritrovando se stessa.

Vittoria è ognuna di noi, è nei nostri momenti di tristezza, nella nostra voglia di mollare, nella nostra incredulità di fronte a certi avvenimenti che ci sembrano surreali, ma anche la nostra voglia di andare avanti e rialzarci, i nostri desideri e il nostro riscatto, perché alla fine di ogni dolore, dopo ogni giorno grigio ci aspetta sempre una piccola, grande Vittoria.

FRASI:

“Mi sembra tutto una follia forza nove in cui dobbiamo cercare di non annegare. Qualcuno si aggrappa a una fede religiosa, a una spiritualità ben salda. La mia zattera è l’amicizia. La vedo, la tocco, è dimostrabile e mi tiene a galla, con una mano sotto il mento e un braccio avvinghiato per portarmi in rada senza farmi affogare. Ma in quel mare in tempesta ho perso i miei desideri, sono scivolati fuori dalle tasche e affondati.”

Precedente Se i pesci guardassero le stelle di Luca Ammirati Successivo La pista di ghiaccio di Roberto Bolano